fbpx

Anaao Assomed Piemonte News

Le montagne russe di AstraZeneca: aprite il paracadute

A seguito del possibile nesso causale tra il vaccino AstraZeneca ed eventi trombotici l’EMA emette un comunicato il 7 aprile in cui riconferma che i benefici del vaccino superano i rischi e che gli eventi trombotici sono molto rari.
L’agenzia governativa inglese (MHRA – Medicines and Healthcare products Regulatory Agency) diffonde anche essa (il 7 aprile) un comunicato simile una analisi dei casi di trombosi. Considerando che nel Regno Unito al 31 marzo sono state vaccinate 20,2 milioni di persone con Astrazeneca il rischio di eventi trombotici è pari a 4 casi ogni milione di dosi (praticamente simile a quanto riportato da EMA per l’Europa).
Continua a leggere sul blog di Gabriele Gallone – Esecutivo Nazionale Anaao Assomed

Le montagne russe di AstraZeneca: ma non morirete per questo vaccino

Partiamo come sempre dai dati. Il vaccino della ditta anglo-svedese funziona molto bene.
Tutti i vaccini per essere approvati debbono dimostrare una efficacia superiore al 50%.
Astrazeneca supera indubbiamente questo valore anche se sembrerebbe non raggiungere le percentuali di efficacia dei vaccini mRNA (Pfizer e Moderna). Dico “sembrerebbe” e poi vedremo il perchè.
Continua a leggere sul blog di Gabriele Gallone – Esecutivo Nazionale Anaao Assomed

Ogni fiala nei magazzini è un morto in più

Da oggi, ogni giorno pubblicheremo il numero dei decessi Covid in Piemonte e, parallelamente, quante dosi di vaccino sono rimaste inutilizzate, che quindi avrebbero potuto salvare delle vite se la campagna vaccinale fosse efficiente almeno come in Veneto, che abbiamo considerato come Regione di riferimento.

Assistenza Fiscale 2021

Anche per l’anno 2021, i Medici del Piemonte iscritti all’Anaao Assomed, potranno fruire del servizio gratuito di Assistenza Fiscale per la redazione del modello 730 e Unico, rivolgendosi, previo appuntamento, allo studio convenzionato di competenza.

Scudo solo per i vaccini: non basta! Comunicato Stampa Anaao Assomed

“Il Decreto legge all’esame del Consiglio dei Ministri è motivo di delusione per le categorie professionali che rappresentiamo, non tanto per l’obbligo di vaccinazione quanto per la limitazione della tutela giudiziaria degli esercenti la professione sanitaria alla sola pratica della vaccinazione. Appare, così, manifesta la non volontà di cogliere l’essenza dei problemi che, da molti mesi, inutilmente, cerchiamo di mettere in evidenza”. Questo il primo commento del Segretario Nazionale Anaao Assomed Carlo Palermo alle anticipazioni di stampa del “Decreto Covid”.

Vaccinare i maturandi?

Chiediamo che si ragioni per metodo, non per categorie. Basta proclami. 

Se il Governo decide di dare la priorità agli anziani ed ai fragili, perché per loro il Covid-19 è a maggiore rischio di ospedalizzazione e di morte, che si prosegua con questo criterio. Se invece si ritiene che sia preferibile vaccinare prima le persone attive, perché si contagiano di più e c’è rischio che diffondano maggiormente il virus, che si valuti il criterio. E’ necessario che, ancora una volta, siano i ragionamenti epidemiologici, statistici e di sanità pubblica a dettare le regole.