fbpx

Tornano al lavoro i sanitari no vax

Una risposta

  1. Piergiorgio Bertucci ha detto:

    Da Infettivologo, per quanto concerne le nostre conoscenze in merito di malattie infettive e vaccini, ma anche semplicemente da medico, ritengo che reintegrare Medici antiscienza non sia una buona idea, anzi. Del resto, per essere semplicemente studenti in Medicina, già a suo tempo vigeva l’obbligo di vaccinarsi contro HBV e – tempi andati – contro la TB. E nessuno si poneva il problema. Per alcune categorie di lavoratori è d’obbligo la vaccinazione antitetano. E nessuno si pone il problema. Perché non c’è, il problema. Il problema sorge quando un medico si professi antivax/novax/dubbiovax o altro. Semplicemente è una contraddizione in termini. Celiando (ma non troppo), dico che si dovrebbero comunque inserire nei reparti Covid, quando necessario, senza alcun problema, visto che il datore di lavoro, nel rispetto della legge, offre più di una misura atta a ridurre il rischio biologico di un pericolo insito nella nostra professione a persone che non è che “non possano fare il vaccino” ma che proprio lo ritengano pericoloso e/o inutile…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.