fbpx

Tamponi: l’ASL TO3 maglia nera, Rivoli ha esaurito i reagenti

Se i tamponi non vengono eseguiti rapidamente, non vengono individuati i pazienti positivi, né isolati i loro contatti e l’infezione può diffondersi liberamente. Quindi c’è maggiore rischio di ricoveri, e il personale sanitario, che ha dimostrato grande spirito di servizio ed abnegazione nella fase 1, sarà di nuovo messo alla prova. Ma la preghiera di eseguire, in modo mirato tamponi, tamponi e ancora tamponi pare sia caduta nel vuoto. In particolare all’ASLTO3. Dove il personale, che ci sia o no un nuovo picco, è comunque sempre al limite: dei numeri, delle forze, della sopportazione.

Secondo i dati del D.I.R.M.E.I (Dipartimento Interaziendale Malattie ed Emergenze Infettive) l’area dell’ASL TO3 può avvalersi del solo laboratorio di Rivoli, che garantisce 34 test/die/100.000 abitanti mentre il DPCM del 26/4/2020 indica il fabbisogno ottimale in 250 tamponi/die/100.00 abitanti.

Sempre secondo il D.I.R.M.E.I, l’ASL TO3 lamenta la carenza di 1108 tamponi al giorno, la carenza più grave della Regione

Ad oggi, si sono accumulate nei SISP della TO3 1530 segnalazioni che vanno verificate, di queste 615 sono di pazienti con sintomi: i numeri non scendono nonostante l’attività frenetica dei sanitari.
E per aggiungere buone notizie, ieri il laboratorio di Rivoli ha esaurito i reagenti per i tamponi: sembra l’incubo di Marzo che si ripete, identico. Con l’aggravante che adesso avremmo dovuto prevedere scorte adeguate.

Periodicamente un centinaio di tamponi vengono inviati da Rivoli al San Luigi di Orbassano, che a breve non sarà più in grado di soddisfare le richieste, per un aumento della domanda interna.

La frammentazione dell’attività diagnostica tra laboratori causa allungamenti dei tempi di esecuzione e soprattutto di refertazione, senza considerare che il trasposto tra ospedali, se non organizzato in modo ottimale, rischia di compromette la corretta conservazione del campione, data la fragilità del RNA virale.

I Sisps del territorio boccheggiano: l’elenco dei pazienti segnalati dai medici di famiglia per eseguire i tamponi includono i nomi di coloro che il tampone l’han già fatto, ne conseguono telefonate inutili e perdite di tempo. 

Nel piano per lo sviluppo delle attività di laboratorio nella Regione Piemonte in relazione all’emergenza Covid è previsto che il superlaboratorio ARPA di La Loggia e quello Universitario di Novara forniscano, insieme ai laboratori privati, derogando alle ASL la facoltà di stipulare le convenzioni. La Direzione Aziendale della TO3 si è attivata per applicare il piano?

Ulteriori domande necessitano di una risposta: è previsto un potenziamento dei laboratori della TO3, in modo che l’ASL possa diventare autonoma? E il potenziamento dei laboratori prevede anche l’assunzione di nuovo personale?

Alle domande urgono risposte, perché il numero dei positivi sta aumentando di giorno in giorno.

Dr.ssa Chiara Rivetti
Segretaria Regionale Anaao Assomed Piemonte

Una risposta

  1. Maurizio Dagna ha detto:

    Penso che il Sindacato ,in quanto espressione dei medici pubblici, e quindi indirettamente facente parte della istituzione Sanità Pubblica abbia il dovere di presentare esposti alla magistratura (come già fatto in precedenza ) e chiedere conto alle figure responsabili di tale situazione con l’aggravante che non hanno fatto per nulla tesoro della precedente ondata e non si attengono alle disposizioni di legge.
    Vanno fatti nomi e cognomi (Presidente della Giunta, Ass. alla Sanità, Direttori Generali, Prefetti, Sindaci ) e spingere le Procure dormienti a perseguire costoro d’ufficio.
    Vorrei avere notizia ,dato che il fatto scomparve quasi subito dalle cronache, a proposito delle famose più di mille mail di segnalazione che i medici di base avevano inviato al SISP e che scomparvero inspiegabilmente. Forse che il Dir. del SISP non dovrebbe risponderne , a me pare che si configuri l’omissione di soccorso o sbaglio ?
    un Cordiale saluto a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *