Rassegna stampa nazionale di mercoledì 2 gennaio

Selezione delle notizie a cura dell’Ufficio stampa #anaaoassomed

ANAAO SUI MEDIA
Dai medici d’urgenza ai pediatri, ecco gli introvabili in corsia. Lo studio Anaao
Il sindacato degli ospedalieri traccia la mappa delle carenze di organico fino al 2025, a causa dello squilibrio tra uscite e nuovi ingressi. Il commento di Carlo Palermo, Sgretario Nazionale Anaao Assomed
LA REPUBBLICA – leggi l’articolo

Dal contratto a fake news e aggressioni, il 2018 anno nero per i medici del Ssn. Intervista a Carlo Palermo, Segretario Naizonale Anaao Assomed
ADNKRONOS – leggi l’articolo

La pubblicità regresso. Dopo le immediate proteste dei medici, che hanno raccolto oltre 20.000 firme ad una petizione on line promossa dal loro ordine professionale, la Rai ha cautelativamente sospeso la programmazione, La 7 no. La vicenda quindi non è ancora chiusa e merita alcune considerazioni. Intervento di Costantino Troise, Presidente nazionale Anaao Assomed
QUOTIDIANO SANITÀ – leggi l’articolo

SANITÀ
Intervista a Giulia Grillo, Ministro della salute. Autonomie: “La riforma è nel contratto, ma solidarietà con il sud”.
IL MATTINO – leggi l’articolo

Intervista a Walter Ricciardi: “Difficile collaborare con il governo, hanno posizioni antiscientifiche”. Il direttore dell’Istituto Superiore di Sanità: “Ecco perché mi dimetto”.
CORRIERE DELLA SERA – leggi l’articolo

Risponde Mario Giordano. Nel mezzogiorno la sanità è allo sbando.
LA VERITÀ – leggi l’articolo

MANOVRA
Tasse, colpiti anche gli ospedali. “Stangata da 70 milioni”.
LA REPUBBLICA – leggi l’articolo

Manovra, ora 161 decreti per attuarla.
IL SOLE 24 ORE – leggi l’articolo

STATALI
Pensioni, maxi-esodo degli statali: più di 200 mila pronti a lasciare Medici e chirurghi. Allarme rosso in corsia e per le sale operatorie.
IL MESSAGGERO – leggi l’articolo

COMMENTI
Il presidente e le sfide possibili. Il tempo perduto delle illusioni.
CORRIERE DELLA SERA – leggi l’articolo

Leggi gli articoli

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *