fbpx

Problema tamponi: la smentita dell’AslTo3 e l’ulteriore nota dell’Anaao

La smentita dell’Asl To3

“L’Asl To3 smentisce nella maniera più assoluta che all’interno dell’azienda sanitaria e in particolare nel Laboratorio di Rivoli manchino o siano mancati reagenti per processare i tamponi (dei quali invece disponiamo di scorte più che sufficienti), come invece riportato in maniera totalmente infondata da una sigla sindacale.

Nel corso dell’ultima settimana, a fronte di una richiesta di tamponi da parte della popolazione che si è sostanzialmente triplicata (dai 250 iniziali a circa 700 al giorno), l’Asl To3 ha invece provveduto ad accrescere la propria capacità di processare i tamponi, anche attraverso l’introduzione di turni notturni per il personale impegnato. È stato inoltre effettuato presso le aziende produttrici un ordine suppletivo di reagenti, che è in consegna in queste ore.

Infine, nei prossimi giorni, l’Asl aumenterà ulteriormente e in maniera considerevole la capacità di analisi dei tamponi grazie all’acquisto, già deliberato, di un nuovo macchinario (anche questo in consegna), con assunzione di nuovo personale e con l’acquisto di test antigenici rapidi.

In questo modo la capacità di processazione in proprio passerà dai 250 tamponi al giorno, quantità prevista nella programmazione concordata con il Dirmei (e che l’Asl ha sempre rigorosamente rispettato), ad una media garantita di circa 800 tamponi al giorno.

Tale puntualizzazione va a vantaggio della chiarezza e della necessità di evitare inutili allarmismi. Richiamiamo quindi tutti a un maggior senso di responsabilità e a verificare scrupolosamente le informazioni prima di diffonderle.”

La nota dell’Anaao

I dati riportati nella segnalazione (il numero dei tamponi giornalieri eseguiti dalla TO3 e la carenza giornaliera, la peggiore del Piemonte) sono i dati ufficiali del D.I.R.M.E.I, ed estrapolati dal documento prot. n. 2020/0142896.
La carenza dei reagenti per i tamponi nei giorni di domenica e lunedì è una notizia proveniente da una fonte attendibile e verificata.

Che, come da replica dell’ASLTO3, l’ acquisto dei macchinari avvenga solo ora e che la domanda di reagenti sia stata incrementata in queste ore non fanno che dimostrare l’impreparazione ad un evento del tutto prevedibile e che avrebbe dovuto coglierci pronti: l’aumento dei casi e della necessità di esecuzione dei tamponi con la riapertura delle scuole e l’ inizio della stagione fredda.

Anziché replicare alle preoccupate osservazioni di una organizzazione sindacale sarebbe maggiormente utile rivolgersi al D.I.R.M.E.I , per trovare soluzioni adeguate ad un problema che peggiorerà nei prossimi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *