fbpx

Categoria: Primo Piano

Piano per il recupero delle Liste d’attesa, ma senza i medici

La notizia che il piano per il recupero delle Liste d’attesa, finanziato dal Governo con 35 milioni di euro, preveda l’aumento del carico di lavoro per i medici, giunge inaspettata. Denunciamo l’assenza di condivisione delle scelte con i sindacati.

E mettiamo in chiaro un aspetto: molti colleghi ospedalieri lavorano da sempre fino alle 20.00, di pre-festivo, di festivo, di notte. E se non sono di guardia, sono reperibili, anche a Natale, Capodanno e il 1 Maggio.

L’Hubei dello Stivale (Parte 37) Tiratevi su la mascherina, cazzo!

La mitica telefonata tra il Comandante Schettino ed il Comandante De Falco della Capitaneria di bordo ha fatto il giro del mondo: ”Salga a bordo, cazzo!” (nota nel resto del mondo come: “Go back on board, damn it!”). Questa espressione ben si attaglia alla necessità di fermare la nuova ondata con gli unici mezzi che abbiamo a disposizione: distanziamento, mascherina, igiene delle mani. Tra questi la mascherina non è certamente l’unico ma è un indicatore visibile della aderenza alle regole.
Continua a leggere sul blog di Gabriele Gallone – Esecutivo Nazionale Anaao Assomed

Liste d’attesa: siamo indietro di almeno 4/5 mesi

Con il distanziamento nelle sale d’attesa e la sanificazione dei locali, le liste d’attesa legate alla chiusura dei servizi, durante i 3 mesi di lockdown, corrispondono di fatto alla necessità di recuperare 4 o 5 mesi di prestazioni. Le parole...

Squadra che vince non si cambia

Riaperta l’Unità di crisi, ai vertici i soliti noti. In fondo, è stato un successo Chiude l’Unità di crisi, che cede il testimone al D.I.R.M.E.I. No, resta reperibile. No riapre.  Ok, riapre. E chi la dirige? Chi saranno i vertici...

Riapertura delle scuole e rischio sovraffollamento dei pronto soccorso. L’allarme dei pediatri ospedalieri Anaao Assomed

Il sistema non è in grado di reggere un ulteriore aumento di accessi inappropriati che metterebbero definitivamente in crisi i percorsi pediatrici di emergenza/urgenza La Commissione Nazionale Pediatria Anaao Assomed esprime forte preoccupazione per le prevedibili conseguenze sulla salute infantile e...

L’ospedale e la scuola

Gli ospedali funzioneranno meglio o peggio se, con gli attuali numeri del contagio da COVID -19, le scuole non riapriranno o se riapriranno a singhiozzo? La correlazione tra ospedale e scuola c’è, eccome. E la risposta è: gli ospedali funzioneranno...

L’Hubei dello Stivale (Parte 31) – Il “Genesio” della lampada e la banda degli “idrossiclorochinari” (seconda parte)

In questa seconda parte elenco una serie di studi “scientifici” contrapposti alle supposte “esperienze” citate dall’Assessore alla Sanità del Piemonte (vedi la prima parte) con la quale egli cerca di giustificare l’utilizzo “off label” della idrossiclorochina (HCQ) per trattare i pazienti affetti da COVID-19.

Continua a leggere sul blog di Gabriele Gallone – Esecutivo Nazionale Anaao Assomed

L’Hubei dello Stivale (Parte 30) – Il “Genesio” della lampada e la banda degli “idrossiclorochinari” (prima parte)

La voglia di ribalta mediatica di alcuni politici ha ormai raggiunto livelli parossistici. Il dono della riflessione e della ponderazione è stata annullata a favore della rapiditá fulminea con cui ogni ideazione per quanto bislacca finisce nei profili social. È una specie di manifesto futurista della comunicazione: il primo gruppo sinaptico cerebrale in grado di produrre una minchiata tracìma immediatamente in un impulso nervoso diretto alle dita che battono furiosamente la tastiera.
Continua a leggere sul blog di Gabriele Gallone – Esecutivo Nazionale Anaao Assomed

Troise: “Un piano Marshall per la sanità ma nessun intervento per i medici e dirigenti sanitari”. QUOTIDIANO SANITA’

Abbiamo le risorse per un piano Marshall della sanità pubblica ma non, ancora, un piano per i medici pubblici. Che oggi, finita la retorica degli angeli e degli eroi, sono tornati nell’invisibilità politica con i problemi di sempre, accentuati. Ma si sappia che il disagio crescente dei professionisti e la crisi di fiducia dei cittadini nell’affidabilità del sistema sanitario rappresentano un combinato disposto in grado di eroderne la sostenibilità, quali che siano le risorse investite