fbpx

Categoria: Primo Piano

Le reazioni di medici e infermieri alla proposta dell’Assessore alla Sanità per arginare la crisi dei Pronto Soccorso

Esprimiamo soddisfazione per l’intenzione dell’Assessorato di remunerare i turni a gettone dei dipendenti come quelli dei medici delle coop, aumentando da 60 a 100 euro la cifra corrisposta.
È certamente un segno di attenzione ma contribuirà in minima parte ad affrontare la crisi del PS, forse convincerà qualche collega a coprire turni in più ma i medici sono stanchi e fuggiranno lo stesso. Per fermare la fuga dai Ps, servirebbero letti, per acuti o lungodegenza, per ricoverare i malati e toglierli dalle barelle del PS.
Servirebbe pagare molto di più i medici durante l’orario di lavoro, e non tanto fare ore in più ben pagate. Servirebbero interventi legislativi nazionali, come una legge per la responsabilità medica e il riconoscimento del lavoro usurante.
Leggi l’articolo su La Stampa

I medici assunti a gettone

Intervista a Chiara Rivetti, Segretaria Regionale Anaao Assomed Piemonte, al TG3 Regionale del 15 novembre, edizione delle 14.00 e 19.00

Master in etica medica, deontologia, politica ed economia sanitaria

Il MASTER si propone di formare figure professionali in grado di svolgere attività di coordinamento, consulenza e approfondimento tecnico in tutti i temi di interesse e di competenza delle professioni sanitarie e in particolare per la professione medico-chirurgica e odontoiatrica

Medici a gettone

“Spesso arrivano dall’estero, molti sono in pensione e alcuni neolaureati. Le loro competenze non sono state valutate dall’Asl e non hanno dovuto superare un concorso” Le parole di Chiara Rivetti, Segretaria Regionale Anaao Assomed Piemonte su Oggi è un altro giorno, Rai 1, puntata del 3 novembre

Sanità, storico sorpasso in corsia: per la prima volta le donne medico sono più degli uomini

La sindacalista: “Per noi è un lavoro duro ma abbiamo una propensione per la cura”.

Secondo Chiara Rivetti, responsabile per il Piemonte di Anaao, il principale sindacato degli ospedalieri, “può venire il dubbio, che essendo il nostro diventato con il tempo un lavoro duro e anche pagato non abbastanza, stia diventando meno interessante per gli uomini”.
Leggi su La Repubblica

AO Alessandria: medaglia d’oro. Ma per le dimissioni volontarie

L’Azienda Ospedaliera di Alessandria è tra le dieci migliori Aziende Sanitarie italiane in cui lavorare.
Peccato che chi ci lavora non se n’è accorto.
Non si è neanche accorto del sondaggio condotto da Statista che ha stilato la classifica delle aziende con il più alto livello di soddisfazione dei lavoratori, cui nessuno tra i nostri iscritti, per esempio, ha risposto.

Parco della Salute, quale futuro

Chiara Rivetti, Segretaria Regionale Anaao Assomed Piemonte, al TG3 Regionale sul progetto del Parco della Salute di Torino