fbpx

Categoria: Primo Piano

Costanza, il Covid e i sanitari che si gestiscono da soli

Illustre Ministro Roberto Speranza, Illustre Assessore Luigi Genesio Icardi, Voi dovreste parlare con Costanza. Dovreste parlarle come l’ho fatto io, da vecchia amica. Costanza è stata una mia collega. Abbiamo più o meno la stessa età, la stessa illusione che...

Zona gialla ma ospedali sempre in crisi

Il Piemonte resta in zona gialla. Evitato l’arancione, parrebbe. Non per il numero di pazienti in rianimazione né per l’incidenza di positivi né tanto meno perché la pressione sugli ospedali sta calando. Ma per una iniezione di posti letto per...

Anaao su conteggio ricoverati per Covid: le Regioni e il gioco delle tre carte.

Gli ospedali sono pieni di pazienti infetti e poco importa se essi sono ricoverati per patologie legate al Covid o se hanno scoperto di essere infetti recandosi in ospedale.
Perchè, come sa chi conosce l’organizzazione ospedaliera, il paziente Covid positivo richiede, comunque, personale dedicato obbligato a lunghe procedure di vestizione e svestizione e isolamento in spazi dedicati, da creare appositamente, generalmente riconvertendo altri reparti. Senza contare il blocco delle sale utilizzate per gli accertamenti diagnostici a causa delle procedure di sanificazione e la difficoltà di dimissione in RSA o lungodegenza e perfino a domicilio. Tutti motivi che rendono il cambiamento del metodo di calcolo inefficace ai fini della riduzione del carico di lavoro ospedaliero.

Tutti gli ospedali hanno evidenti problemi di personale e posti letto e necessitano non di fumose e oziose discussioni ma di risorse fresche.
Leggi il comunicato stampa Anaao Assomed

Ospedalizzazioni e cure domiciliari: nessuna buona notizia

Un post dell’Assessore alla Sanità della Regione Piemonte annuncia che il Piemonte, nonostante un numero di positivi molto più alto rispetto alle precedenti ondate, sta registrando un numero di ricoveri notevolmente contenuto. E che questo risultato sia anche dovuto alla capacità del territorio di curare a domicilio.
Tralasciando il fatto che tutti gli ospedali piemontesi stanno riconvertendo reparti e sospendendo attività per gestire i malati Covid, il sito del Ministero della Salute riporta che la nostra regione è tra le peggiori regioni d’Italia quanto ad ospedalizzazione dei pazienti Covid.

Quando È Che Basta?

Un ambizioso broker, entra nel lussuosissimo studio di uno spudorato investitore megamiliardario di Wall Street e, resosi conto che non si può continuare a fare soldi passando sopra tutto e tutti, chiede:

“how much is enough?”(“Gordon quand’è che basta?”)

Si tratta del film Wall Street di Oliver Stone in cui il broker Bud Fox (impersonato da Charlie Sheen) rimprovera a Gordon Gekko (uno stratosferico Michael Douglas) la totale mancanza di etica del sistema, la distruzione di posti lavoro e la sottomissione del sistema economico alla sola logica del profitto.
Continua a leggere sul blog di Gabriele Gallone

Ospedali in apnea, reparti chiusi, saltano gli interventi oncologici

Il Presidente Cirio risponde alla nostra lettera sulla sospensione delle attività ordinarie e sul coinvolgimento degli ospedalieri a vaccinare: “Alcuni servizi vengono limitati, ma sono sempre situazioni legate a malattie non tempo dipendenti. Tutte quelle cure che se tardate aggravano la situazione vengono garantite e fatte”.

Purtroppo non è cosi: saltano, per esempio, gli interventi oncologici. Non esistono solo patologie tempo dipendenti. I pazienti cronici, cardiopatici, nefropatici ecc possono peggiorare lentamente e giungere in acuzie nei reparti senza aver potuto proseguire il loro percorso, in condizioni disastrose.

Il territorio non è in grado di seguire questi pazienti e neppure il privato, che non ha interesse ad occuparsene con l’appropriatezza necessaria. D’altronde l’incremento della mortalità non legata a COVID dimostra che ridurre risorse per le altre patologie porta solo al blocco dei percorsi di cura costruiti con difficoltà e con duro lavoro dai medici ospedalieri.
Ma perché, dopo due anni, ci troviamo sempre nella stessa situazione?