fbpx

Categoria: Primo Piano

Campagna vaccinale, tutto bene? I dubbi di Anaao Piemonte

Secondo i dati del 4 Marzo, il Piemonte ha somministrato il 75% delle dosi di vaccino consegnate e registra un numero di dosi ogni 100 mila abitanti tra le più alte d’Italia, ovvero 10.029.  

Tuttavia il Piemonte ha una popolazione di 4.311.217 abitanti, cui vanno sottratti i ragazzi under 16 anni e chi ha già avuto il vaccino: di questo passo saranno necessari altri 300 giorni per vaccinare tutta la popolazione.

La Rete oncologica perde la testa

Il Direttore della Rete Oncologica Piemontese va in pensione.
Magari verrà sostituito da un/una giovane. Magari il giovane sarà un collega entusiasta, preparato, che porterà innovazione e competenza.
Magari sarà proprio un oncologo che il Direttore stesso ha formato, perché bisognerebbe sempre essere bravi maestri e pensare di non essere insostituibili.
Però…

Quanti morti provocheremo per una campagna vaccinale “assassina”?

All’inizio fu la tempesta di neve nei Paesi Nordici. Poi le necessità di ampliamento degli stabilimenti Pfizer. Poi le difficoltà di Astrazeneca nel produrre un numero adeguato di vettori virali negli impianti europei.
Tagli alle forniture, blocco delle inoculazioni per preservare le seconde dosi e via discorrendo.
Continua a leggere sul blog di Gabriele Gallone – Esecutivo Nazionale Anaao Assomed

Covid-19 in Europa: meno posti letto, più decessi. L’indagine Anaao

Esiste una correlazione negativa tra il numero di posti letto ospedalieri per 1.000 abitanti e l’aumento della mortalità nei primi otto mesi del 2020. Dalla recente indagine condotta dall’Anaao Assomed – a cura di Carlo Palermo Segretario Nazionale Anaao Assomed e Chiara Rivetti, Segretaria Anaao Piemonte su dati elaborati da Giuliano Antoniciello, ricercatore dell’Università di Padova – è emerso infatti che statisticamente a ogni posto letto in meno per 1.000 abitanti è associato un +2% di aumento della mortalità generale.

Continua a leggere su anaao.it

Le 5 domande dell’Anaao Piemonte

Gli organici sono adeguati per fronteggiare eventuale terza ondata, anche alla luce della mancata sostituzione dei medici neolaureati, entrati in specialità? I SISP funzionano? La ricostruzione dei contatti è efficiente? Il personale medico è sufficiente per gestire l’eventuale terza ondata...

Le mutazioni possono vanificare l’efficacia dei vaccini? Ecco un elenco di veri e propri brutti “ceppi”.

Il codice genetico del coronavirus è costituito dall’RNA, una sequenza di circa 30.000 “lettere” o basi azotate che servono come informazione per costruire 29 tipi di proteine. Tutto il virus può essere costruito a partire da questo codice genetico.

Ma i virus mutano. Ogni volta che il virus si replica possono avvenire cambiamenti nel codice, sostituzioni di lettere o perdite di lettere (delezioni). Il virus costruisce copie di sè stesso ma deve anche duplicare il suo RNA per i nuovi virus. In questa opera di “ricopiatura” il coronavirus il SARS-nCoV-2 dispone di un enzima che “controlla” che la copia sia identica. Ma in alcuni casi l’errore può avvenire comunque.
Continua a leggere sul blog di Gabriele Gallone – Esecutivo Nazionale Anaao Assomed

MES e Sanità: chiariamoci le idee (VIDEO)

MES e Sanità: chiariamoci le idee. È economicamente conveniente? Perché gli altri Stati non aderiscono? Ne abbiamo ancora bisogno o è troppo tardi? Chi vigilerà sull’utilizzo dei fondi? Webinar del 10 febbraio con Silvia Merler (Economista) Carlo Palermo (Segretario Nazionale...

Varianti e mutazioni: i vaccini basteranno? Chiedete a Ms. Spike. La risposta potrebbe non piacervi.

Il coronavirus, tecnicamente conosciuto come SARS-nCov-2, sta mutando rapidamente. Questo era ampiamente nelle previsioni e l’utilizzo dei vaccini non farà che aumentare la pressione selettiva sul virus che, per sopravvivere, dovrà trovare nuovi “escamotage” immunologici per evitare di essere neutralizzato dalle nostre difese.
Continua a leggere sul blog di Gabriele Gallone – Esecutivo Nazionale Anaao Assomed