Anaao Assomed si unisce al sindacato SMI e sostiene l’impugnazione davanti al TAR della delibera regionale che concede alle strutture private accreditate le ricette dematerializzate per la prescrizione di visite ed esami- COMUNICATO STAMPA

                                                                                  COMUNICATO STAMP

Anaao Assomed si unisce al sindacato SMI e  sostiene l’impugnazione davanti al TAR della delibera regionale che concede alle strutture private accreditate l’ uso delle ricette dematerializzate per la prescrizione di visite ed esami

Se le risorse finanziarie sono poche per assumere, poche per aumentare i posti letto, poche per rafforzare l’assistenza territoriale, poche per rinnovare le strutture vetuste, allora si dovrebbe agire con estrema oculatezza e parsimonia, nell’ ottica di salvaguardare il sistema sanitario pubblico e garantire la tutela della salute dei cittadini.

Questa non pare essere l’opinione dalla Regione Piemonte, che con la delibera di Giugno apre la strada ad un ingiustificato aumento di spesa, a tutto vantaggio delle casse delle strutture private accreditate.

Anaao Assomed Piemonte ritiene che consentire al privato accreditato di prescrivere esami sul ricettario del SSN possa aumentare l’auto-induzione di prestazioni a rischio di inappropriatezza, da eseguirsi all’interno della stessa struttura privata prescrittrice.

Con l’attuazione della delibera, il privato accreditato, da semplice fornitore di prestazioni, diventa anche colui che le richiede e le acquista,   con il concreto pericolo di una crescita esponenziale  della domanda e di un uso incontrollato  di risorse del SSR.

La regione sarà depotenziata nel suo ruolo di controllo della spesa, i medici dipendenti delle strutture accreditate potrebbero rischiare tempari sempre più ristretti,  se non addirittura più o meno velati suggerimenti di aumentare le prescrizioni  più remunerative, ancorchè inappropriate .

Infine, se è vero che i pazienti saranno agevolati  nell’immediato, evitando di recarsi anche dal medico di famiglia, nel prossimo futuro  sconteranno la comodità con un servizio sanitario sempre più povero e lento. E percorsi diagnostico terapeutici sempre più frammentati e meno governati.

Anaao Assomed impugna la delibera davanti al TAR per indicare ad una Regione miope e smarrita, la strada della buona sanità pubblica .

La segreteria regionale Anaao Assomed Piemonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *