fbpx

Al rientro dalla maternità sono obbligata a fare le notti?

Maternità e congedo parentale. Quali sono i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori della dirigenza? Inauguriamo una rubrica video per orientarvi all’interno della normativa in vigore.

A cura della Dottoressa Maria Teresa Sorrentino, Gruppo Donne Anaao Assomed Piemonte

Al rientro dalla maternità sono obbligata a fare le notti?

Durante il primo anno di vita del bambino è fatto divieto assoluto, alla madre lavoratrice, di svolgere lavoro notturno (dalle 24 alle 6 del mattino), dall’accertamento dello stato di gravidanza fino al compimento del primo anno di vita.

Dal primo al terzo anno di vita del bambino, la lavoratrice madre o il genitore convivente non possono essere obbligati a svolgere il lavoro notturno, guardie o reperibilità, potendo legittimamente rifiutarsi.

Inoltre, non sono obbligati a prestare lavoro notturno:

  • la lavoratrice o il lavoratore, che siano l’unico genitore affidatario di un figlio convivente di età inferiore a 12 anni;
  • la lavoratrice madre adottiva o affidataria di un minore –  o il genitore convivente-, nei primi tre anni dall’ingresso in famiglia del bambino e non oltre il dodicesimo anno d’età;
  • La lavoratrice o il lavoratore che hanno a proprio carico un soggetto disabile.

RIFERIMENTI NORMATIVI:

  • Articolo 29 comma 5 del CCNL 12/2019
  • Decreto legislativo 66 /2003
  • Legge 5 febbraio 1992, n. 104

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *