Ospedali fuori standard. In quasi il 90% dei casi non si rispettano per il tumore seno e nel 50% nel trattamento dell’infarto. E un ospedale su cinque fa meno di 500 parti l’anno. I nuovi dati del ministero della Salute

Bisogna abbandonare il modello attuale di commissariamento delle Regioni che è ormai obsoleto, e pensarne uno nuovo che permetta allo Stato di intervenire sulle singole aziende, in maniera veloce e chirurgica. Così il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, oggi, in occasione della presentazione di un nuovo strumento del Ssn che permetterà alle Regioni di ottimizzare il monitoraggio delle strutture sanitarie sul territorio.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it

Notizie regionali del 27 e 28 gennaio

Asl TO4. Inaugurata nuova ala del Presidio dell’Ospedale di Chivasso (Quotidianosanità.it)
Leggi le notizie regionali

CONTRATTO, i sindacati diffidano Governo, Regioni, Aran: basta indugi! Aprire subito la trattativa per la dirigenza sanitaria.

I medici e dirigenti sanitari passano all’attacco e intimano a Governo, Aran e Regioni di adottare tutti gli atti necessari per aprire i tavoli di trattativa per il rinnovo del contratto. In mancanza di un segnale concreto – si legge nella diffida inviata – le organizzazioni sindacali agiranno in tutte le sedi competenti compresa quella giudiziaria, non solo civile, per ottenere tutela risarcitoria per i gli iscritti, ma eventualmente anche penale, ove ne ricorrano i presupposti, chiedendo alla Magistratura di sanzionare l’eventuale ulteriore prolungarsi dell’attuale inerzia.
Leggi il testo della lettera

Precari, la circolare Madia «corregge il tiro» dopo la legge di Bilancio

La ministra per la Funzione pubblica ha diramato una nuova circolare con indirizzi operativi sulle stabilizzazioni del personale precario (circolare n. 1 del 9 gennaio 2018) . Il documento segue e integra la precedente circolare 3/2017 e in alcuni punti la rivisita alla luce delle norme nel frattempo introdotte dalla legge 205/2017, cioè dalla legge di Bilancio per il 2018. In realtà non viene aggiunto nulla a quanto già si sapesse e sembra quasi un contraltare rispetto a quella di due mesi fa: la prima andava ben oltre le norme allora vigenti mentre la seconda non rileva quasi in nulla.
Leggi l’articolo completo su Sanità24.it

Dalla Corte Europea un sì ai rimborsi agli ex specializzandi

Mentre anche l’ultimo disegno di legge (A.S. 2400), il quarto in ordine di tempo, per una soluzione politica/transattiva si è spento in Senato, la questione ex-specializzandi torna ancora una volta a battere cassa, e ancora una volta attraverso una sentenza europea. La Corte di giustizia Ue ha ribadito il diritto dei medici ex specializzandi, a tempo pieno o a tempo ridotto, a partire dal 1982 quando venne emanata la prima direttiva Ue di essere «adeguatamente remunerati». Questo perché la direttiva 82/76/cee produce i suoi effetti dal momento della sua emanazione e non da quello del suo recepimento nell’ordinamento nazionale.
Leggi l’articolo completo su Sanità24.it

Reti tempo-dipendenti. Coletto (Agenas): “Verso l’omogeneità dei modelli”

L’accordo tra lo Stato e le Regioni sul documento contenente tutte le indicazioni per la revisione delle reti cliniche tempo-dipendenti è un atto di indirizzo che, per metodologia e ricchezza di dettagli tecnici, ha l’ambizione di agevolare e, perché no, accelerare il processo di revisione delle reti già attivate su gran parte del territorio nazionale.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it
Leggi anche Reti tempo-dipendenti. Bevere (Agenas): “Ecco le nostre linee guida” (Quotidianosanità.it)

Responsabilità medica in équipe: secondo la Cassazione si deve verificare il ruolo di ogni sanitario

Secondo la Corte di Cassazione (sentenza 2354/2018) la responsabilità penale per errore medico altrui è subordinata alla verifica del ruolo svolto da ciascun sanitario, guardandosi bene dal ritenere a priori una responsabilità del gruppo. Esclusi invece i profili civilistici di responsabilità.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it

“Una Fnomceo senza donne? Recupereremo coinvolgendole in tutti i processi decisionali. Sulle Dat sbagliato non prevedere l’obiezione di coscienza e sulla legge Lorenzin massima vigilanza sui decreti attuativi”. Parla il neo presidente della Fnomceo Filippo Anelli

Prima intervista per il presidente della Fnomceo. E con Quotidiano Sanità, il neo leader dei medici italiani svela strategie e metodi della sua presidenza.“Mi considero un sindacalista prestato alla vita degli Ordini, ma Ordini e sindacati operano su due piani diversi, non sovrapponibili”. E ancora: “I medici dovrebbero poter gestire quanto a loro affidato in termini economici in relazione agli obiettivi di salute individuati, attraverso una corretta programmazione sanitaria ma in totale autonomia”
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it

Notizie regionali del 26 gennaio

Leggi le notizie regionali 

BURP del 25 gennaio

I provvedimenti della settimana
Concorsi

Lorenzin: «Via super Irpef nelle Regioni risanate e Titolo V da modificare»

«Le Regioni uscite dal Piano di rientro e che hanno raggiunto il pareggio di bilancio, non hanno più nessuna ragione di mantenere una super aliquota Irpef che era stata pensata per coprire il deficit nella sanità e che pesa tantissimo sui cittadini».
Leggi l’articolo completo su Sanità24.it

Rivoluzione sul pianeta trapianti: ora si accredita il «programma»

«Una diversa concezione dell’attività trapiantologica: dall’accreditamento del centro e di un’équipe, si passa all’accreditamento dell’intero programma trapianti, considerando – giustamente – che esso coinvolge l’azienda sanitaria sanitaria nel suo complesso». Così il direttore del centro nazionale trapianti, Alessandro Nanni Costa, dà il senso del documento approvato dalla Conferenza Stato-Regioni, che rivede profondamente i criteri fissati nell’ormai lontano 2002.
Leggi l’articolo completo su Sanità24.it
Leggi anche Piano nazionale Cronicità, insediata la Cabina di regia. Urbani: «Banco di prova della governance di domani» (Sanità24.it)

Notizie regionali del 25 gennaio

La Asl risponde a La Stampa: “Nessuna carenza assistenziale a San Damiano d’Asti” (Quotidianosanità.it)

Reti cliniche assistenziali: ecco le nuove linee guida per la loro implementazione e per migliorarne governance e appropriatezza

La Rete individua i nodi e le relative connessioni definendone le regale di funzionamento, il sistema di monitoraggio, i requisiti di qualità e sicurezza dei processi e dei percorsi di cura, di qualificazione dei professionisti e le modalità di coinvolgimento dei cittadini. Parte da questi presupposti l’accordo Stato Regioni odierno. Le reti descritte sono quella cardiologica per l’emergenza, la rete per la neonatologia e i punti nascita, la rete ictus, la rete trauma.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it

Elezioni Fnomceo. Vince la lista di Filippo Anelli. Male le candidature “Chersevani”

Vittoria nettissima della lista capitanata dal presidente dell’Ordine di Bari. Tutti e 13 i candidati entrano nel nuovo Comitato centrale che si riunirà già domani per eleggere al suo interno il Presidente, il Vicepresidente, il Segretario e il Tesoriere. Non ha avuto invece successo il tentativo in extremis della presidente uscente Roberta Chersevani: per lei e gli altri candidati alternativi pochi voti e nessuno di loro ce l’ha fatta a entrare nel nuovo Comitato centrale.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it
Leggi anche Elezioni Fnomceo/ Vince la squadra di Anelli, smacco per Chersevani. Per gli odontoiatri c’è Iandolo (Sanità24.it)