Medici a scuola di autodifesa. Gestione violenza diventa tematica Ecm di interesse nazionale

Sempre più spesso vittime di aggressioni, da adesso gli operatori sanitari saranno potenziali fruitori di corsi accreditati sulla gestione del rischio, a tutti i livelli, comprese le tecniche psicologiche per disinnescare l’aggressività e mettersi in salvo. I corsi su queste materie avranno anche maggior valore in termini di crediti Ecm, daranno infatti diritto a 1,3 crediti orari. Approvata oggi delibera della Commissione nazionale Ecm.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it

Notizie regionali del 6 aprile

Leggi le notizie regionali
Nuovi vertici di Asl e Aso, lo zampino di Amos (Lo Spiffero)
Asl TO5. Inaugurati il nuovo blocco operatorio e la gamma camera al Santa Croce di Moncalieri (Quotidianosanità.it)

BURP del 5 aprile

I provvedimenti della settimana
Concorsi

La Cassazione spiega i danni da “violazione” del dovere di corretto consenso informato. Condannati un medico e una casa di cura

La Cassazione ha precisato che il consenso informato “deve basarsi su informazioni dettagliate, idonee a fornire la piena conoscenza della natura, portata ed estensione dell’intervento medico-chirurgico, dei suoi rischi, dei risultati conseguibili e delle possibili conseguenze negative”, mentre non è possibile acquisire il consenso attraverso la sottoscrizione di un modulo del tutto generico.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it

Notizie regionali del 5 aprile

Chiamparino “vota” Salizzoni (Lo Spiffero)
Leggi le notizie regionali

Pensioni, una storia infinita di riforme

Il percorso previdenziale di questi anni non è stato mai facile, anzi molto difficile e complesso. Negli ultimi decenni il sistema previdenziale è stato, infatti, oggetto di numerose riforme tutte finalizzate al contenimento della spesa, al riordino e all’armonizzazione dei diversi regimi pensionistici. Riteniamo che il percorso tanto accidentato degli interventi previdenziali non si fermerà qui e dovremo registrare ulteriori modifiche, integrazioni, cambiamenti, che renderanno sempre meno sicuro e certo il futuro degli attuali lavoratori.
Leggi l’articolo completo su Sanità24.it

Cassazione. Diagnosi tardiva: condannato il medico per la perdita di chance (alternative assistenziali) del paziente

La Corte di Cassazione ha rinviato alla Corte d’Appello che lo aveva negato il provvedimento per il risarcimento del danno non solo per la mancata scelta di procedere rapidamente all’attivazione di una terapia idonea, o la mancata applicazione di terapie palliative che il paziente con adenocarcinoma avrebbe potuto ottenere per alleviare le sue sofferenze, ma anche per non aver consentito in questo modo al paziente di poter vivere le ultime fasi della sua vita in modo consapevole dell’esito della sua patologia e del dolore e della sofferenza che questa avrebbe provocato.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it
Leggi anche È il paziente per primo a dover provare il nesso di causalità tra malattia, aggravamento o una nuova patologia subentrata e la condotta dei medici (Quotidianosanità.it)

Contratto statali: Corte dei Conti lo certifica, ma lo giudica “deludente” per mancanza parametri che incentivino davvero la produttività

Secondo la Corte il contenuto dell’accordo “è stato coerentemente recepito nelle leggi di bilancio per il 2017 e il 2018. che prevedono, come detto a regime, cioè a partire dal mese di marzo del 2018, incrementi retributivi pari al 3,48% della massa salariale di riferimento”, anche se gli aumenti sono superiori all’indice IPCS o al tasso di inflazione programmato, ma manca “il vero parametro per certificare la compatibilità economica di incrementi contrattuali, specie se superiori all’andamento dell’inflazione, non può prescindere da una valutazione degli effetti della contrattazione, in termini di recupero della produttività del settore pubblico”.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it

Notizie regionali del 4 aprile

Leggi le notizie regionali
Quattro aree per il volo notturno dell’elisoccorso inaugurate nelle ultime settimane. In tutto sono 97 (Quotidianosanità.it)

La “pianificazione condivisa delle cure”. Una novità che coglie impreparati sia medici che pazienti

La “pianificazione condivisa delle cure” non presuppone che il medico condivida la volontà del paziente. Il medico offre al paziente la propria competenza tecnico-scientifica assicurandosi che sia stata ben compresa: poi deve accettare la scelta del paziente. Di conseguenza, se la relazione si struttura su presupposti corretti, nel rispetto dell’autonomia tecnico-scientifica del medico e dell’autonomia decisionale del paziente, dovrebbero non verificarsi casi nei quali questa non si concretizza.
Leggi l’articolo completo (prima parte) su Quotidianosanità.it
Leggi anche La “pianificazione condivisa delle cure”. Una novità che coglie impreparati sia medici che pazienti (seconda parte) (Quotidianosanità.it)

Notizie regionali del 2 e 3 aprile

Ci vuole fegato per governare, Pd sotto i ferri di Salizzoni (Lo Spiffero)
Sanità, “il privato non è un tabù” (Lo Spiffero)
Leggi le notizie regionali

Cassazione: la prescrizione scatta dalla consapevolezza del danno alla salute

Con tre decisioni la Suprema corte ha chiarito alcuni aspetti legati all’ampio contenzioso sanitario legato all’emotrasfusione e alle possibile cause delle infezioni da epatite C.
Leggi l’articolo completo su Sanità24.it

Cumulo: si parte per medici (Enpam) ingegneri e architetti (Inarcassa). Grande soddisfazione della COSMED

Questa Confederazione che, insieme con le organizzazioni sindacali aderenti, ha proposto e sostenuto questa battaglia di civiltà ed equità non può che essere soddisfatta della definitiva applicazione della legge, che valorizza anche la funzione delle Casse professionali che da ora concorrono appieno al raggiungimento della pensione.
Leggi il testo del comunicato
Leggi anche Per il cumulo una giusta soluzione di compromesso (Sanità24.it)
Cumulo contributivo. Si parte per medici, ingegneri e architetti. Cosmed: “Vinta battaglia di civiltà ed equità” (Quotidianosanità.it)

Aggressioni operatori sanitari. Al via lavori Tavolo permanente tra Fnomceo e sindacati

“La maggior parte delle aggressioni è scatenata da una prestazione negata, a cui il paziente pretende di avere diritto, ma che, per legge o anche per mancanza di risorse, non gli può essere erogata”. Lo dicono i dati, gli stessi analizzati da Fnomceo e Sindacati che, insieme, hanno istituito un tavolo di consultazione permanente per prevenire le aggressioni agli operatori sanitari. Il prossimo step coinvolgerà anche le associazioni di cittadini.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it

Notizie regionali del 30 marzo

Nuove sale operatorie all’ospedale di Moncalieri: giovedì 5 aprile l’inaugurazione (Quotidianosanità.it)
Leggi le notizie regionali