ANAAO ASSOMED PIEMONTE

ASSOCIAZIONE MEDICI DIRIGENTI

ANAAO ASSOMED PIEMONTE - ASSOCIAZIONE MEDICI DIRIGENTI

Responsabilità professionale. Gelli (Pd): “Trasparenza e garantismo per orientare libera scelta malati”

Proprio nella trasparenza è stata indicata dal deputato dem come la sfida da raccogliere se si vuole continuare ad avere un ruolo di primo piano nel servizio al malato. Se ne è discusso questa mattina ad un convegno organizzato dall’Aris. Presente ai lavori anche Hazan, a fianco di Gelli nella stesura della legge: “Le Assicurazione, in caso di azione diretta del danneggiato, devono risarcire anche oltre i limiti della convenzione stipulata”.
Leggi  l’articolo completo su Quotidianosanità.it

Lorenzin all’Oms: “In Italia uno degli ultimi servizi sanitari universali rimasti. Con standard elevati a costi ragionevoli”

Il ministro della Salute rivendica i successi della sanità italiana nel suo intervento all’Assemblea mondiale della sanità in corso a Ginevra. E lo fa ricordando gli sforzi costanti per aggiornare le nostre strategie di intervento a fronte dei cambiamenti demografici ed epidemiologici. Tra gli obiettivi di eccellenza citati il piano di eradicazione dell’epatite C e il piano nazionale vaccini. Dopo 14 anni l’Italia torna nell’Executive Board dell’Oms.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it

Responsabilità professionale e sicurezza delle cure. Il Bmj sulla legge italiana: “La sicurezza del paziente diventa un diritto. Ma il suo coinvolgimento è scarso”

Il giornale dei medici britannici dedica l’editoriale dell’ultimo numero alla nuova legge italiana. Plauso alla scelta di inserire la sicurezza del paziente tra i diritti fondamentali (in Europa solo la Danimarca ha una legge simile). Secondo la rivista la legge è stata però anche “un’occasione mancata” sul fronte della comunicazione medico paziente e del maggior coinvolgimento del cittadino nelle linee guida e nelle pratiche di sicurezza: “L’Italia è ancora lontana dall’approccio che vede il paziente al centro”.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it

Gentiloni: “La sanità pubblica universale è un principio cardine al quale non abbiamo intenzione di rinunciare”

Il premier, in visita al cantiere del nuovo ospedale dei Castelli Romani, cita il Lazio come “esempio positivo”. Il risanamento della sanità, ha detto, “può essere doloroso, ma è proprio per garantire l’universalità del sistema che dobbiamo lavorare per risanarlo”. E sull’obbligo dei vaccini: “Il nostro primo dovere è proteggere i cittadini. Abbiamo risposto alla richiesta di alzare i livelli di protezione per i nostri bambini e per le nostre famiglie”.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it

Ddl Lorenzin. Trovato accordo in maggioranza. Sì al riconoscimento per osteopati e chiropratici, ma con criteri più stringenti. No ‘sanatorie’

Potrebbe essere questo il punto d’intesa raggiunto nel corso di un incontro informale la scorsa settimana, tra la ministra Lorenzin, i presidenti delle XII commissioni di Camera e Senato De Biasi (Pd) e Marazziti (Des), Gelli (Pd) e i capigruppo di maggioranza di entrambe le commissioni. Il testo, approvato un anno fa dal Senato, è fermo da ormai dieci mesi in Commissione Affari Sociali proprio per le molte resistenze registrate sul riconoscimento di queste nuove professioni. Intanto questo mercoledì inizieranno le votazioni sugli emendamenti presentati.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it

Riforma accreditamento scuole specializzazione. Sarà finalmente ri(e)voluzione?

Gentile Direttore,
in data 13 maggio 2017 il MIUR ha diramato un comunicato stampa attraverso il quale ha annunciato l’imminente varo della riforma sul sistema di accreditamento delle scuole di specializzazione di medicina. Dopo due anni di intenso e proficuo lavoro, che hanno visto protagonista l’Osservatorio Nazionale della Formazione Specialistica, verrà pubblicato, di concerto tra il MIUR ed Ministero della Salute, il Decreto che si prefigge di rilanciare la formazione medica post-lauream e, in particolare, le Scuole di specializzazione di area sanitaria, ispirandosi ad un sistema di miglioramento continuo della qualità formativa, che potrà essere finalmente misurato e documentato attraverso strumenti idonei.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it