Notizie nazionali del 28 giugno

ANAAO SUI MEDIA
24° Congresso Nazionale Anaao Assomed.
ANSA – Troise: In 10 anni – 70mila posti letto, spesa sanità – 0.7% in 3 anni. Servizio sanitario “malato ma vivo”.
ANDKRONOS SALUTE – Troise: In 10 anni evaporati 70 mila posti letto. Allungamento liste attesa e pronto soccorso “in tilt” simbolo del fallimento di politiche recessive.
ANDKRONOS SALUTE – Trionfa la medicina di carta, la burocrazia ruba 66% tempo. Troise, pretendendo di sostituire il cronometro allo stetoscopio.
ANDKRONOS SALUTE – Tagliati 9mila medici in ultimi anni, prezzo altissimo. Troise: “In prossimi 5 anni in 45 mila lasceranno per raggiunti limiti di età, siamo diventati costo da ridurre”.
ANDKRONOS SALUTE – No a stop intramoenia, per Ssn vale 300 mln l’anno. Troise: pensare di chiuderla è sbagliato, meglio usare questi soldi per abbattere le liste d’attesa.
ANSA – Intervento di Beatrice Lorenzin al 24° Congresso Anaao Assomed: “Stare dalla parte della scienza è scomodo. Questa è la nostra sfida nel 208, le altre vengono dopo”.
ANSA – Intervento di Rosy Bindi al 24° Congresso Anaao Assomed: “Non sfruttarli per coprire altri problemi. Tolsi sanzioni quando fui ministro ma ho appoggiato obbligo”.
ANDKRONOS SALUTE – Intervento di Silvestro Scotti (Fimmg) al 24° Congresso Anaao Assomed: “Dialogo tra sindacati per superare crisi Ssn”.
DIRE
QUOTIDIANO SANITÀ
DOCTOR33
SANITÀ24
PANORAMA DELLA SANITÀ
REGIONI.IT

Il prezzo per la tenuta del Ssn, la denuncia dell’Anaao Assomed. Intervista a Costantino Troise Segretario Nazionale Anaao Assomed.
IL SANNIO QUOTIDIANO – guarda l’intervista

Il problema delle liste d’attesa. Intervista a Domenico Iscaro Presidente Anaao-Assomed
RAI NEWS 24 – BASTA LA SALUTE – (ore 13:40 27 giugno 2018 ) – guarda l’intervista

SICILIA. Ospedale “Muscatello”, intesa Asp-Regione su Uoc di oncologia ed oncoematologia e centro regionale amianto. L’articolo cita Giuseppe Vaccaro, Coordinatore Provinciale Anaao Assomed.
LAGAZZETTAAUGUSTANA

SANITÀ
I limiti del nuovo sistema d’emergenza. “Allarme, il 112 rischia di uccidere”. Prima c’era il 112 per i carabinieri, il 113 per la polizia e il 118 per l’ambulanza. Ora c’è un numero unico che smista le chiamate. “Un doppio sbarramento che può causare ritardi fatali” dice il presidente del 118, che vuole tornare al vecchio metodo.
OGGI

Leggi gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *