Consenso informato. Se le volontà del paziente non sono chiare in caso di terapie salvavita decide solo l’équipe medica. Il Tribunale di Modena applica la legge 219/2017

Il caso è quello di un paziente in stato di incoscienza per il quale l’unico intervento salvavita era la tracheotomia. Quando era ancora cosciente lo stesso aveva espresso “la volontà di continuare a vivere senza la tracheotomia”. Un concetto giudicato contraddittorio dal giudice che ha fatto prevalere l’espressione di volontà a continuare a vivere rispetto al no all’intervento chirurgico.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *