CCNL 2016-2018: DOPO L’INCONTRO ALL’ARAN, MEDICI E DIRIGENTI SANITARI SOSPENDONO LO SCIOPERO DEL 23 FEBBRAIO

Le Organizzazioni Sindacali della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria prendono atto dell’avvio del confronto all’Aran per il rinnovo del contratto di lavoro 2016-2018 che oggi ha ufficialmente tagliato i nastri di partenza.

Il calendario dei prossimi incontri, ravvicinati nel tempo a partire dalla convocazione per il prossimo 1 marzo, e la dichiarata disponibilità dell’Aran a proseguire un percorso da condividere, ci inducono a raffreddare per il momento la vertenza che ci ha visti impegnati per un intero anno fino ad oggi.

In attesa di risposte precise e responsabili alle domande poste oggi, auspichiamo una stagione costruttiva finalizzata a recuperare quanto è stato perso in termini di retribuzioni stipendiali e condizioni di lavoro dei medici e dei dirigenti sanitari, oggi peggiorate al punto da costituire un fattore limitante per l’accesso alle cure per i cittadini.

Nel contempo le Organizzazioni Sindacali chiedono alle Regioni di fare la loro parte in merito a contenuti e tempi della contrattazione.

A fronte di queste considerazioni, le Organizzazioni Sindacali sospendono la giornata di sciopero nazionale indetta per il 23 febbraio, mantenendo comunque lo stato di agitazione e riservandosi, già a seguito dell’incontro del 1 marzo, di fissare una nuova data nel caso in cui tempi e contenuti della trattativa fossero insoddisfacenti.

ANAAO ASSOMED – CIMO – AAROI-EMAC – FP CGIL MEDICI E DIRIGENTI SSN – FVM Federazione Veterinari e Medici – FASSID (AIPAC-AUPI-SIMET-SINAFO-SNR) – CISL MEDICI – FESMED – ANPO-ASCOTI-FIALS MEDICI – UIL FPL COORDINAMENTO NAZIONALE DELLE AREE CONTRATTUALI MEDICA, VETERINARIA SANITARIA

Leggi anche Contratto medici e dirigenti sanitari. Sospeso sciopero del 23 febbraio. Resta stato agitazione (Quotidianosanità.it)
Contratto medici, Intersindacale: «Sciopero sospeso, bene calendario stretto». Lorenzin: «Restituire dignità ai lavoratori» (Sanità24.it)

24° CONGRESSO NAZIONALE ANAAO ASSOMED Roma 27-30 GIUGNO 2018 – SAVE THE DATE

INAUGURAZIONE
mercoledi 27 giugno ore 14.30
Spazio Novecento, Piazza Guglielmo Marconi 26

LAVORI CONGRESSUALI
da giovedi 28 a sabato 30 giugno
Hotel Sheraton Parco de’ Medici, Via Salvatore Rebecchini 145

EVENTO ANNULLATO. PRIMA DI VOTARE PENSA ALLA SALUTE! Elezioni 2018: i sindacati interrogano i candidati. Roma 15 febbraio 2018 ore 14.30

A CAUSA DELL’INDISPONIBILITÀ DELL’ULTIM’ORA DI ALCUNI CANDIDATI, L’EVENTO È STATO ANNULLATO.

CERTIFICAZIONI. Il Ministero della salute chiarisce: l’Inail deve pagare i medici.

Il parere espresso dal Ministero della Salute, in tema di certificazione INAIL, sembra finalmente porre fine ad una lunga querelle che ha visto protagoniste Anaao Assomed e Cimo a difesa dei diritti dei medici di Pronto Soccorso in tema di certificazioni INAIL e del rispetto degli accordi contrattuali. Anaao Assomed e CIMO vigileranno affinché siano recuperate le somme indebitamente trattenute per evitare un inutile contenzioso i cui costi aggiuntivi potranno essere oggetto di segnalazione alla Corte dei Conti. Il testo del parere del Ministero.
Leggi il testo del comunicato stampa e la nota del Ministero della salute

IL CONTRATTO E’ UN DIRITTO DI TUTTI. AIUTACI A DIFENDERLO! #contrattosubito

Il calendario della protesta promosso dall’intersindacale dei medici, veterinari, dirigenti sanitari:
15 febbraio sit-in a Roma
22 febbraio assemblee nelle Aziende
23 febbraio sciopero nazionale

Rinnovo contratto: Intersindacale chiede incontro urgente a Governo, Regioni e Aran

Inaccettabile e ingiustificabile l’ostracismo nei confronti del contratto della dirigenza medica e sanitaria che rimane ancora in stallo a differenza di altri settori della Pubblica Amministrazione, che hanno chiuso o stanno per chiudere la contrattazione, e di altri settori della sanità, come il personale del comparto e la medicina convenzionata. Il perdurare del blocco produrrà nei prossimi giorni manifestazioni a Roma ed una seconda giornata di sciopero nazionale il 23 febbraio.
Leggi il documento

Contratto. Ultimatum dirigenza medica e sanitaria: “Senza convocazione sarà sciopero nazionale il 23 febbraio”

L’annuncio dell’Intersindacale di medici, veterinari e dirigenti sanitari, lanciato da tutte le sigle sindacali in rappresentanza di 150 mila professionisti per sbloccare l’apertura della trattativa per il rinnovo del contratto 2016-2018. Oltre alla richiesta di un incontro urgente con il Ministro della Funzione pubblica, è stata annunciata una denuncia alle Procure per omissione di atti di ufficio rispetto alla sentenza della Corte Costituzionale del luglio 2015.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it
Leggi anche L’Intersindacale: sciopero il 23 febbraio se non si apriranno le trattative sul contratto (Sanità24.it)
Medici e infermieri sul piede di guerra, il 23 febbraio si ferma la sanità pubblica (Sanità24.it)

IL CONTRATTO E’ ANCHE UN TUO DIRITTO. AIUTACI A DIFENDERLO! #failatuaparte Al via la protesta dei medici, veterinari e sanitari.

Parte oggi la protesta dei medici, veterinari e dirigenti sanitari contro le Regioni, principali responsabili del boicottaggio del rinnovo del CCNL e delle ruberie perpetrate su orario di lavoro, carriere e fondi contrattuali. Per sollecitare l’inizio della trattativa contrattuale nazionale, è necessaria la partecipazione di tutti i colleghi alle iniziative programmate.

LE INIZIATIVE DELL’INTERSINDACALE
#failatuaparte

 

Sciopero Nazionale dei Dirigenti Medici e Sanitari

Notizie regionali del 13 dicembre

Nuovi ospedali in Piemonte: 1,5 miliardi di investimenti (Lo Spiffero)
Ospedali del Piemonte. Ecco il Piano della Regione: 1,5 miliardi di investimento (Quotidianosanità.it)
Nuovo Polo sanitario di Venaria. Saitta: “Lavori procedono regolarmente” (Quotidianosanità.it)
Leggi le notizie regionali con le dichiarazioni di Mario Vitale, Segretario Regionale, sullo sciopero dei Dirigenti Medici e Sanitari del 12 dicembre

Sit-In alle Molinette

Stamattina, in occasione dello sciopero generale dei Dirigenti Medici e Sanitari, di fronte alle Molinette si è svolto un sit-in di protesta a cui hanno partecipato tutte le sigle della Dirigenza Medica. Un secondo sit-in si è tenuto davanti all’Ospedale Oftalmico. I primi dati sulla partecipazione nazionale allo sciopero indicano punte di astensione dal lavoro dell’80%, a dimostrazione della forte esasperazione della categoria.

Oggi stop dei camici bianchi: nei reparti garantiti solo gli interventi urgenti

Molto dipenderà dal tasso di adesione, reparto per reparto, ma non ci sono dubbi che oggi sarà una giornata difficile per la Sanità, investita dallo sciopero nazionale di 24 ore del personale della dirigenza medica, veterinaria, sanitaria, professionale e tecnica proclamata dai sindacati di categoria. Una levata di scudi, prevista dai sindacati e innescata da diversi fattori: dal blocco delle trattative contrattuali, ferme da anni, al definanziamento della Sanità, al complessivo peggioramento delle condizioni di lavoro del personale ospedaliero.
Leggi l’articolo completo su La Stampa.it edizione Torino, con le dichiarazioni di Mario Vitale – Segretario Regionale Anaao Assomed e di Rosella Zerbi – Membro Direzione Nazionale Anaao Assomed

***12 DICEMBRE 2017 SCIOPERO GENERALE DI 24 ORE DEI MEDICI E DIRIGENTI SANITARI*** SIT-IN A ROMA ORE 11 DAVANTI AL MINISTERO DELL’ECONOMIA VIA XX SETTEMBRE. Sono previste manifestazioni in tutta Italia.

Lo annunciano le Organizzazioni sindacali ANAAO ASSOMED – CIMO – AAROI-EMAC – FP CGIL MEDICI E DIRIGENTI SSN – FVM Federazione Veterinari e Medici – FASSID (AIPAC-AUPI-SIMET-SINAFO-SNR) – CISL MEDICI – FESMED – ANPO-ASCOTI-FIALS MEDICI – UIL FPL COORDINAMENTO NAZIONALE DELLE AREE CONTRATTUALI MEDICA E VETERINARIA.
All’interno i comunicati, le informative, le interviste su legge di bilancio 2018 e contratto di lavoro

SCIOPERO NAZIONALE 12 DICEMBRE 2017
Le Organizzazioni sindacali
DICHIARANO LO SCIOPERO GENERALE DI 24 ORE DEI MEDICI, VETERINARI E DIRIGENTI SANITARI DIPENDENTI DEL SSN
12 DICEMBRE 2017
riservandosi di individuare successivamente altre giornate e di attivare ulteriori iniziative di protesta.

Le Organizzazioni sindacali:

denunciano i contenuti della legge di bilancio 2018 all’esame del Parlamento, in quanto reiterano politiche sempre meno orientate all’obbligo di rispondere ai bisogni di salute dei cittadini, secondo principi di equità e sicurezza, ed escludono con pervicacia la sanità pubblica dalla ripresa economica in atto fino a renderla non più sostenibile se non dalle tasche dei cittadini;
condannano la assenza di segnali di attenzione ai medici, ai veterinari ed ai dirigenti sanitari dipendenti del Ssn, al valore ed al peso del loro lavoro, alla importanza dei loro sacrifici nella tenuta del servizio sanitario;
stigmatizzano lo stallo del rinnovo del contratto di lavoro, dopo 8 anni di blocco legislativo, che contribuisce alla mortificazione del ruolo, della autonomia, della responsabilità professionale ed al peggioramento di condizioni di lavoro insostenibili a fronte di livelli retributivi fermi al 2010;
deplorano l’assenza di politiche nazionali a favore di una esigibilità del diritto alla tutela della salute dei cittadini omogenea in tutto il Paese, nel rispetto dell’art. 32 della Costituzione, in una logica di federalismo sanitario di abbandono;
additano le politiche degli ultimi governi come responsabili di quel fallimento del sistema formativo che sta,contemporaneamente, desertificando ospedali e territori e condannando alla precarietà ed allo sfruttamento decine di migliaia di giovani.

I COMUNICATI STAMPA – LE INTERVISTE – GLI INTERVENTI

7 dicembre 2017
Legge bilancio: bonus per tutti tranne che per medici e dirigenti sanitari! Comunicato stampa Anaao Assomed La legge di bilancio concede bonus a svariati gruppi sociali o anagrafici e cosa ancor più grave trova 60 milioni a favore dei professori universitari a titolo di compensazione del blocco degli scatti stipendiali disposto dalla L.122/2010, come se fossero stati gli unici nel pubblico impiego a subire un tale blocco.
Anche per questo bisogna scioperare il 12 dicembre!
leggi il comunicato stampa

6 dicembre 2017
Recupero del trattamento accessorio, tassazione agevolata, superamento precariato, Ria, contratti di formazione: tutti gli emendamenti dell’intersindacale alla legge di bilancio presentati alla Camera
il testo degli emendamenti

5 dicembre 2017
Non possiamo accettare che la sanità sia tagliata fuori da investimenti e finanziamenti: sciopero il 12 dicembre! Comunicato stampa Anaao Assomed #promadivotarepensallasalute
Lo sciopero nazionale del 12 dicembre chiede alla legge di bilancio all’esame della Camera segnali che scommettano sul capitale umano del SSN, bene pubblico da valorizzare e non da liquidare in maniera strisciante, creando le condizioni per il rinnovo del CCNL fermo da 8 anni, per l’erogazione dei LEA, per il futuro del sistema formativo, stretto tra deficit di specialisti e pletora di laureati.
leggi il comunicato stampa

 

04 dicembre 2017
Adesso Basta! Dopo 8 anni di blocco contrattuale non possiamo più stare a guardare! RADIO CUSANO CAMPUS
Gabriele Gallone, dell’Esecutivo Nazionale Anaao Assomed, conferma le ragioni dello sciopero proclamato dai sindacati dei medici e dirigenti sanitari. La richiesta viene rivolta ora alla Camera dei deputati dove dal 5 dicembre inizia l’esame della legge bilancio: più risorse per il contratto e per la sanità pubblica.
ascolta l’intervista

 

30 novembre 2017
***MANIFESTAZIONE A ROMA. I MEDICI E DIRIGENTI SANITARI CONFERMANO LO SCIOPERO DEL 12 DICEMBRE*** – Comunicato stampa intersindacale
Le organizzazioni sindacali della dirigenza medica e sanitaria, al termine della manifestazione unitaria che si è svolta a Roma, ringraziano gli esponenti delle forze politiche e sociali intervenuti e confermano le motivazioni dello Sciopero Nazionale di martedì 12 dicembre prossimo. Si sciopera per difendere un diritto costituzionale dei cittadini e le ragioni del nostro lavoro che ne è valore fondante e garanzia di esigibilità.
leggi il comunicato stampa

 

30 novembre 2017
La protesta dei medici contro la manovra – TAGADA’ LA7. Interviste a Carlo Palermo (Vice Segretario Nazionale Anaao) e Gabriele Gallone (Esecutivo Nazionale Anaao)Riunione dei medici presso la Sala Capranichetta a Piazza Montecitorio alle ore 10.30 per indire uno sciopero nazionale a dicembre perché “i contenuti della Legge di Bilancio 2018, ed il disinteresse per il rinnovo del CCNL dei dirigenti sanitari dopo 8 anni di blocco esprimono chiaramente una visione politica del Sistema Salute Italia tendente a colpire e demotivare chi lavora a favore della tutela della salute dei cittadini, anche allo scopo di raggiungere l’obiettivo di una sanità sempre meno pubblica”.
GUARDA IL VIDEO

 

30 novembre 2017
Palermo (Anaao): “Necessario aumentare i contratti di formazione specialistica”.
GUARDA IL VIDEO DI QUOTIDIANO SANITA’

30 novembre 2017
Palermo (Anaao): «Necessaria assunzione di responsabilità politica per evitare taglio dei servizi e la protesta di 650mila addetti del SSN». Ecco le ragioni dello sciopero – SANITA’ INFORMAZIONE
GUARDA IL VIDEO

28 novembre 2017
Medici e dirigenti sanitari in guerra. “Ora basta, stanno distruggendo il Ssn e il nostro lavoro. Senza un cambio di passo sciopero nazionale a dicembre e poi vertenza no stop a gennaio”. Parla il vice segretario Anaao Carlo Palermo – QUOTIDIANO SANITA’
“La sanità italiana è al collasso. Si rischia un ulteriore taglio dei servizi, ci sono 10 milioni di ore l’anno non retribuite e migliaia di anni di ferie non godute. Il sistema si sta reggendo unicamente su queste storture a scapito del personale che vi lavora. Come sindacato dobbiamo migliorare il nostro rapporto con i cittadini e con le associazioni dei pazienti per far emergere in maniera adeguata questi temi”. Il Vice Segretario Nazionale Vicario Anaao anticipa in questa intervista le motivazioni dello sciopero che sarà annunciato ufficialmente domani in una manifestazione sindacale unitaria
leggi l’intervista

 

27 novembre 2017
L’esame della legge di bilancio preoccupa i medici e dirigenti sanitari: chiesto incontro a Gentiloni.
Confermata la manifestazione di giovedì 30 novembre. Comunicato intersindacale
La Legge di Bilancio 2018 all’esame del Senato, insieme con recenti dichiarazioni di esponenti della maggioranza, stanno destando allarme e preoccupazione tra i Medici, i Veterinari ed i Dirigenti sanitari dipendenti del Servizio Sanitario nazionale.
leggi il comunicato stampa

22 novembre 2017
***LA PROTESTA DEI MEDICI E DEI DIRIGENTI SANITARI***
Per l’accessibilità e la sicurezza delle cure: più risorse alla sanità pubblica e al contratto. Comunicato stampa Intersindacale
I sindacati annunciano la campagna di informazione per spiegare ai cittadini chi toglie loro le possibilità di cura e proclamano lo stato di agitazione:
da lunedi 20/11: rispetto assoluto orario contrattuale
23 e 24/11: assemblee di due ore nelle aziende sanitarie su Contratto e fondi;
30/11: riunione a Roma degli esecutivi nazionali dei sindacati per spiegare le ragioni di una o più giornate di sciopero tra dicembre 2017 e febbraio 2018
leggi il comunicato stampa

 

21 novembre 2017
RICERCA SENZA RICERCATORI nella Legge di bilancio 2018. Sempre più necessario lo sciopero nazionale – Comunicato stampa Anaao Assomed
L’incontro di ieri al ministero della salute sulla sorte dei precari della ricerca non ha dato le risposte attese, né per i professionisti interessati né per i destini della ricerca scientifica italiana. L’Anaao Assomed, insieme con le altre organizzazioni sindacali della Dirigenza medica e sanitaria, ha infatti ritenuto inaccettabile la proposta presentata per stabilizzare un precariato di lungo corso che vanta al proprio attivo un consistente capitale formativo. Intervenga il Presidente del Consiglio, se veramente questo governo ha a cuore il futuro della ricerca biomedica del Paese, o il Parlamento, se si vuole mantenere in vita un settore nevralgico per la sanità italiana.
leggi il comunicato stampa

 

16 novembre 2017
A quando il contratto di lavoro? Una storia infinita che ha esaurito la nostra pazienza! Informativa Anaao Assomed
Nella circolare riservata agli iscritti all’Associazione, il punto su come si è arrivati, dopo 8 anni di blocco, alla vigilia di una trattativa per il rinnovo del contratto che seppure non ancora iniziata si annuncia già molto difficile.
leggi l’informativa

14 novembre 2017
Anaao: “Basta con i contratti nazionali virtuali” – QUOTIDIANO SANITA’
Se la politica del lavoro delle Regioni in Sanità è quella dei “padroni delle ferriere 2.0”, che senso può avere trattare con loro un contratto nazionale solo virtuale, visto che non vogliono o non hanno il potere di garantirne una applicazione corretta? Meglio sarebbe trattare solamente con il Governo e le Aziende Sanitarie. Intervento di Giuseppe Montante, Vice Segretario Nazionale Anaao Assomed
leggi l’intervento

 

13 novembre 2017
Legge di bilancio: bene gli emendamenti della Commissione Sanità del Senato. Comunicato stampa Anaao Assomed
Anaao Assomed esprime compiacimento e soddisfazione per l’emendamento alla legge di Bilancio che propone di aumentare la tassazione sulle sigarette per una cifra complessiva pari a 600 milioni di euro da destinare ai farmaci anticancro innovativi e alle cure palliative. Se approvato, permetterà di adeguare il fabbisogno standard della sanità pubblica per il 2018 all’erogazione dei LEA ed alla incidenza dei costi contrattuali.
leggi il comunicato stampa

10 novembre 2017
EMERGENZA CONTRATTI: il Governo garantisca il recupero delle risorse accessorie. Comunicato stampa COSMED
Dopo otto anni di blocco e numerosi annunci si rischia una disfatta che avrebbe gravi ripercussioni sulla credibilità della politica, delle Istituzioni e dell’intero sistema delle relazioni sindacali. Il Governo provveda a soluzioni che consentano di garantire un immediato ristoro economico e il recupero delle risorse accessorie necessarie per la stipula del contratto di lavoro.
leggi il comunicato stampa

 

03 novembre 2017
Legge di bilancio, Intersindacale medica: «Cure pubbliche a rischio e contratti appesi a un filo». Camici bianchi pronti allo sciopero. Carlo Palermo: «Così si affossa il Ssn» – SANITA’24
«Un atto di indirizzo con troppe criticità – sottolinea Carlo Palermo, segretario nazionale vicario di Anaao Assomed – che non prevede impegni economici sulla Ria e non contempla l’inserimento dell’indennità di esclusività nel monte salari, come previsto dal contratto 2006-09. È inoltre inaccettabile tutto l’impianto delineato sull’orario di lavoro Ue».
leggi l’articolo

 

30 ottobre 2017
LEGGE DI BILANCIO 2018: UN PUGNO DI MOSCHE PER LA SANITA’ PUBBLICA. Comunicato Anaao Assomed e le citazioni sulla stampa
La Legge di bilancio 2018 arriva oggi in Parlamento con un incremento nominale del FSN di 1 miliardo, reale di soli 400 milioni, senza un finanziamento ad hoc per contratti e convenzioni bloccati da 8 anni, senza le ventilate soluzioni per i precari della ricerca, di cui il Governo si ricorda solo quando si tratta di ritirare premi internazionali.
leggi il comunicato stampa

27 ottobre 2017
LEGGE DI BILANCIO 2018: SI GIOCA SULLA PELLE DELLA SANITÀ PUBBLICA. Comunicato Anaao Assomed e citazioni sulla stampa
Le legge di bilancio gioca sulla pelle della sanità pubblica e del contratto dei medici e dirigenti sanitari. Nel silenzio di Governo, Regioni e ministro della salute.
Ma davvero qualcuno pensa di andare a votare con il caos nella sanità pubblica?
leggi il comunicato stampa

 

26 ottobre 2017
LEGGE DI BILANCIO 2018: OCCASIONE PER L’ENNESIMO FURTO? Comunicato intersindacale e le citazioni sulla stampa
Ci prova il Veneto che con un emendamento alla legge di bilancio vorrebbe dare il via libera ai fondi 2017 in cambio del pagamento alle Regioni di una Robin tax. Se l’unica politica messa in campo è lo scippo delle nostre risorse contrattuali, si amplia la frattura tra istituzioni e professionisti, aggravando l’impoverimento di risorse umane nella sanità e accelerandone il tracollo, a favore, senza chiari mandati elettorali, della l’espansione della sanità privata.
leggi il comunicato stampa

18 ottobre 2017
Cala il silenzio sui contratti e convenzioni – Comunicato Anaao Assomed e citazioni sulla stampa
L’Anaao Assomed denuncia l’assenza di provvedimenti nella legge di bilancio 2018 per finanziare in maniera adeguata il contratto di lavoro della dirigenza medica e sanitaria. In barba alle dichiarazioni del Ministro della PA, Madia, che in una
intervista rilasciata al quotidiano Il Messaggero
, si dichiara soddisfatta per l’impegno mantenuto e cioè per aver stanziato fondi sufficienti per il contratto degli statali.
leggi il comunicato stampa

 

17 ottobre 2017
LEGGE DI BILANCIO 2018: più soldi per tutti ma non per la sanità pubblica. Comunicato Anaao Assomed e le citazioni sulla stampa
La questione è strettamente politica e implica la scelta di investire sul servizio sanitario pubblico, salvaguardando sia il diritto alla salute dei cittadini sia il valore del lavoro. Se la tutela della salute dei cittadini è ancora un diritto costituzionale, deve essere garantito attraverso politiche coerenti e non abbattendo le condizioni professionali ed economiche di chi ne consente la esigibilità.
leggi il comunicato

Scarica la locandina dello sciopero

Accorpamenti Asl. Non siamo pregiudizialmente contrari, ma vogliamo capire le motivazioni

Gentile direttore,
la parola accorpamento è ormai divenuta un termine molto utilizzato in Sanità e la si trova riferita a reparti, servizi, strutture complesse e aziende sanitarie. L’accorpamento evoca immediatamente l’idea di risparmio ma coloro che lo attuano e ne sono decisi difensori, preferiscono che si associ a concetti quali la razionalizzazione delle spese e, per usare un neologismo non molto simpatico, all’efficientamento delle risorse. In Italia ci sono ormai aziende sanitarie che coincidono con un’intera regione, come Marche o Sardegna o sono comprese in “aree vaste”, come in Toscana. Il dibattito circa i pro e i contro di tali organizzazioni è ancora acceso.
Leggi la lettera al Direttore di Quotidianosanità scritta da Mario Vitale – Segretario Regionale Anaao Assomed Piemonte

MANIFESTAZIONE A ROMA. I MEDICI E DIRIGENTI SANITARI CONFERMANO LO SCIOPERO DEL 12 DICEMBRE

Le organizzazioni sindacali della dirigenza medica e sanitaria, al termine della manifestazione unitaria che si è svolta a Roma, ringraziano gli esponenti delle forze politiche e sociali intervenuti e confermano le motivazioni dello Sciopero Nazionale di martedì 12 dicembre prossimo.
Si sciopera per difendere un diritto costituzionale dei cittadini e le ragioni del nostro lavoro che ne è valore fondante e garanzia di esigibilità.
Leggi il comunicato stampa