ANAAO ASSOMED PIEMONTE

ASSOCIAZIONE MEDICI DIRIGENTI

ANAAO ASSOMED PIEMONTE - ASSOCIAZIONE MEDICI DIRIGENTI

Sanità, dal 2000 la spesa per i dipendenti è crollata del 22% rispetto alle uscite totali del Ssn. Lo certifica la Ragioneria

La debacle del personale. Oltre il 20% in meno dal 2000 al 2016. Per passare da un’incidenza del 39,8% a quella del 31% sulla spesa sanitaria totale. Crollano i redditi da lavoro dipendente nel Ssn, che intanto tra il 2011 e il 2016 hanno fatto registrare un tasso di variazione medio annuo in calo dell’1,3% . Il peggiore di tutti i settori della spesa sanitaria pubblica. Colpa del blocco del turn over nelle regioni sotto piano di rientro e dei tagli autonomamente decisi nelle altre regioni. E non solo. Questo mentre i consumi intermedi, ad esempio, sono schizzati all’insù dal 18,7 al 28% nello stesso arco di tempo.
Leggi l’articolo completo su Sanità24.it

Nomine manager Asl. La Corte Costituzionale boccia la legge Madia/Lorenzin: “Sui nuovi criteri serviva intesa in Stato Regioni”

downloadCon una sentenza che farà molto discutere depositata oggi, la Consulta affonda le norme riguardanti i criteri di selezione dei manager sanitari. Si tratta infatti di materia ove “solo l’intesa in sede di Conferenza Stato Regioni, contraddistinta da una procedura che consente lo svolgimento di genuine trattative, garantisce un reale coinvolgimento”.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it
Leggi anche Dopo la bocciature della “Madia”. Zaia a Renzi: “La Consulta dice che il governo deve ascoltare davvero le regioni. E non per finta” (Quotidianosanità.it)
Riforma Pa e Consulta, cosa succede per la sanità: addio albo Dg e alt per 5mila dirigenti (Il Sole 24 Ore Sanità.it)
Consulta a gamba tesa su legge Madia, addio all’albo manager. Zaia: «I dg non arriveranno da Roma». Renzi: «un Paese bloccato» (Il Sole 24 Ore Sanità.it)

Pensioni, Ape volontaria al via da maggio. Sconto del 50% sugli interessi

imagesScatterà il primo maggio 2017 il nuovo meccanismo per l’anticipo pensionistico denominato Ape. Che, nel caso di uscita volontaria, garantirà una detrazione fiscale in quota fissa del 50% sulla componente di costo per interessi del prestito-ponte bancario assicurato rimborsabile in vent’anni. In media l’onere per l’Ape volontaria oscillerà tra il 4,6% e il 4,7% per ogni anno di anticipo tenendo conto che si potrà arrivare a un massimo di 3 anni e sette mesi.
Leggi l’articolo completo su Il Sole 24 Ore.it

La salute delle persone è il bene supremo del Paese: da Gimbe l’Osservatorio sulla sostenibilità del Ssn

errori-mediciIl Rapporto GIMBE sulla sostenibilità del Ssn , presentato lo scorso giugno in Senato, ha quantificato per il 2025 un fabbisogno 200 miliardi di euro, cifra che può essere raggiunta con l’apporto congiunto di tre “ingredienti”: adeguata ripresa del finanziamento pubblico, piano nazionale di disinvestimento dagli sprechi (stimati in oltre € 24 miliardi/anno) e incremento della quota intermediata della spesa privata.
Leggi l’articolo completo su Il Sole 24 Ore Sanità.it

Corte dei conti: quali danni da intramoenia illecita

Il medico che nasconde all’azienda ospedaliera l’esercizio della libera professione extramuraria, nella fattispecie come fiduciario di una compagnia assicurativa, è obbligato a restituire l’indennità di esclusività e di risultato e la retribuzione di posizione (nella misura del 50%), ma non a rimborsare gli emolumenti percepiti per l’attività illecitamente svolta privatamente.
CONTINUA A LEGGERE SUL SITO DEL SOLE 24 ORE SANITA’

Corte costituzionale: i DG non decadono a fine legislatura regionale

La Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità della legge Regione Molise nella parte in cui sostanzialmente prevede la decadenza alla fine della legislatura anche dei direttori generali delle ASL
Ha osservato la Corte Costituzionale che il legislatore regionale individua un’ipotesi di decadenza di tutte le figure nominate a vario titolo, ragione o causa dal Presidente della Giunta, dalla Giunta regionale e dal Consiglio regionale.
CONTINUA A LEGGERE SU DIRITTO SANITARIO

Equipe chirurgica: non automatica la responsabilità di aiuto e assistente che non dissentono

All’imputato era stato contestato il reato di lesioni personali colpose per avere partecipato a due interventi chirurgici effettuati dal primario del suo reparto su un paziente che aveva subito una appendicectomia da cui era sorta una emorragia post-operatoria. In particolare, il primario eseguiva un intervento con l’assistenza in qualità di aiuto dell’imputato; persistendo l’emorragia, lo stesso giorno fu eseguito un altro intervento sempre dal primario, avendo come aiuto altro medico e come assistente ancora l’imputato. Il primo intervento del primario aveva leso la milza, per cui il secondo era consistito nell’asportazione di questa, cagionandosi così, inoltre, laparocele.
CONTINUA A LEGGERE SU DIRITTO SANITARIO

Sanità, i tagli toccano alle Regioni (La Stampa)

Dopo aver incassato gli applausi del mondo della sanità e delle regioni per Beatrice Lorenzin adesso viene il difficile. Si perché in Consiglio dei ministri per convincere Saccomanni a rimettere nel cassetto i tagli ha dovuto giurare che la spending review sanitaria la farà lei insieme alle Regioni, in quel Patto per la salute scaduto da oltre un anno. Impegni mica scritti sull’acqua perché il nuovo Patto poi si tradurrà in decreto, ossia in legge.
CONTINUA A LEGGERE SU LA STAMPA