ANAAO ASSOMED PIEMONTE

ASSOCIAZIONE MEDICI DIRIGENTI

ANAAO ASSOMED PIEMONTE - ASSOCIAZIONE MEDICI DIRIGENTI

7° Congresso Regionale Anaao Piemonte: Mario Vitale eletto nuovo segretario

fotoVitaleContinuità e rinnovamento. Sono queste le parole d’ordine della nuova segreteria dell’Anaao Assomed Piemonte, eletta oggi durante il Settimo congresso regionale dell’associazione a Torino. A guidare il sindacato sarà Mario Vitale, chirurgo dell’ospedale di Vercelli.
In tempi difficili come questi, caratterizzati da condizioni lavorative sempre più conflittuali, il sindacato deve continuare nel suo ruolo di tutela dei diritti dei lavoratori. Per questo motivo Anaao Assomed Piemonte intende continuare nell’attività di vigilanza nei confronti di politica e direzioni generali, che, troppo spesso, hanno operato ai limiti della legittimità, mettendo in ulteriore crisi un sistema sanitario già martoriato dai continui tagli perpetrati negli anni.
Alla lotta per il rinnovamento delle istituzioni, l’associazione intende affiancare un’opera di rinnovamento, anche generazionale, al proprio interno. L’obiettivo è dare voce alle nuove generazioni di medici, mai come ora costrette al precariato e sempre più spesso obbligate all’emigrazione. Per questo motivo, la nuova segreteria sarà costantemente affiancata dall’attività di Anaao Giovani: costola del sindacato che si rivolge proprio ai giovani medici.
Il periodo che stiamo attraversando è particolarmente difficile per la sanità italiana e il Piemonte non fa eccezione. I lavoratori del Sistema Sanitario Nazionale sono chiamati a svolgere un’attività lavorativa sempre più onerosa, con carenza di mezzi e personale. La nostra associazione sarà sempre in prima linea nella difesa dei loro diritti e di quelli dei malati, opponendosi a ogni tentativo di penalizzare la sanità pubblica”, ha dichiarato il segretario regionale dell’Anaao Assomed Piemonte Mario Vitale.
“Lascio questa associazione in gran salute e più combattiva che mai. La difesa del Sistema Sanitario Regionale e nazionale è un dovere morale che ci ha visto e ci vedrà, con grande soddisfazione, sempre in prima fila. Eliminando amministratori inetti e affidando le leve di questo grande bene comune a persone oneste e competenti potremmo risolvere moltissimi dei problemi che affliggono la sanità. Continueremo a batterci per i nostri iscritti e per tutti i cittadini che ci credono”, ha dichiarato il segretario regionale uscente Gabriele Gallone.
“A pagare il prezzo di questo periodo storico sono stati soprattutto i giovani. Per questo motivo, Anaao Giovani vuole essere protagonista nella difesa dei giovani medici, a partire anche dalla definizione di nuovi modelli di formazione e combattendo duramente precariato e disoccupazione”, ha dichiarato il responsabile Anaao Giovani Piemonte Dario Amati.

A tutti voi un grande abbraccio per avermi dato modo di rappresentarvi – Lettera del segretario regionale Anaao

gallone.1Caro collega,
Il 17 maggio, giorno del nostro Congresso Regionale, scadrà il mio secondo mandato di segretario regionale.
Nell’ultimo numero della rivista online che troverai sul nostro sito web abbiamo riassunto gli eventi sindacali che ci hanno coinvolti ed in cui siamo stati parte attiva.
Fare sindacato nel contesto sanitario di questi ultimi anni è stato veramente faticoso ed a tratti sconfortante. La congiuntura economica nazionale è stata sull’orlo di una situazione catastrofale, con rischi per la stabilità finanziaria dell’intero Paese. Si sono succeduti interventi di “emergenza”, blocchi stipendiali, attacchi continui all’amministrazione pubblica,  vista sempre e solo come una “idrovora” da sforbiciare, con il risultato che la parte “sana” ne ha risentito grandemente, mentre le sacche di inefficienza e di spreco hanno continuato a fare bella (per modo di dire) mostra di sé, anche direttamente nelle aule giudiziarie.
Il termine spending review è entrato tristemente nel vocabolario comune e ha semplicemente celato il prosaico concetto dei tagli lineari. Le nuove generazioni di medici sono penalizzate e spesso costrette ad emigrare. È ormai usuale lavorare sotto organico ed in condizioni di difficoltà.
In Piemonte, giunti debolissimi davanti alla crisi degli ultimi anni, abbiamo pagato più di molte altre Regioni. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: siamo l’unica Regione del Nord a dibattersi in un vessatorio piano di rientro insieme a Calabria, Sicilia, Lazio, Puglia ed a quasi tutte le Regioni del centro-sud.
In Piemonte, negli ultimi 20 anni, abbiamo pagato una politica sanitaria in parte miope e a tratti autenticamente scellerata. Tre anni fa assistevamo nuovamente ad arresti di Direttori Generali, a un Assessore alla Sanità ai domiciliari e a nuove inchieste della magistratura.
Il grave squilibrio finanziario, la finanza allegra dei “derivati”, il numero ipertrofico di Aziende Sanitarie (sproporzionato rispetto a quasi tutte le altre Regioni), i Piani Sanitari come strumento di futile propaganda e gli innumerevoli fallimenti programmatori sono un patrimonio comune delle giunte di sinistra e di destra.
L’intera classe politica di questa Regione, con pochissime eccezioni, ha sguazzato in modo assolutamente bipartisan nella melma della demagogia con una incontinenza di proclami e di comunicati stampa i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti.
Questa ultima amministrazione è stata però di gran lunga la peggiore che io mi ricordi. Abbiamo dovuto confrontarci con un Assessore della Fiat-Iveco che candidamente affermava di non sapere nulla di Sanità e con un Governatore arrogante e presuntuoso. Da questo orrido connubio sono nate le peggiori iniziative e i fallimenti più clamorosi. Le Federazioni Sovrazonali, utili solo a rimpolpare il conto corrente dei suoi 6 Direttori con una ricca busta paga, sono una delle tante ideazioni paranoidi della Giunta (illegittima) di questi ultimi 4 anni.
Nel solco della precedente giunta di centro-sinistra, sulla Città della Salute di Torino e sui suoi faraonici progetti non è stato concluso nulla (se non la creazione di una azienda totalmente ingestibile), dove si doveva valutare con attenzione si è demolito (Ospedale Valdese), i piccoli ospedali inutili sono in gran parte sopravvissuti grazie ai soliti mercatini clientelari, dell’assistenza territoriale restano macerie:  anziani non autosufficienti in lista d’attesa per una RSA da anni, mentre i pronto soccorsi ed i reparti sono traboccanti di barelle anche d’estate.
Non si possono elencare con dovizia le scorribande di questa ultima amministrazione sul terreno della Sanità regionale. Ma il nostro sindacato non è stato tra gli attori inanimati (o tra gli ignavi) che sono rimasti a guardare o addirittura a blandire il potente di turno. Abbiamo tenuto su ogni questione e abbiamo randellato (mediaticamente) su ogni sconcezza. Abbiamo denunciato le malefatte, i favori, le incongruenze, le vere e proprie follie partorite da questa Amministrazione e da qualche fedelissimo Direttore Generale.
Ma soprattutto abbiamo sempre dato adeguata assistenza a tutti gli iscritti, in tutte le sedi, fornendo informazioni, consigli e supporto sindacale e legale.
L’interesse che abbiamo attirato, anche fuori dai confini regionali, da radio, giornali e televisioni, gli oltre 640.000 contatti unici sul nostro sito web negli ultimi tre anni, dimostrano che una sana voce dissonante, informata e senza pregiudizi politici svolge un preciso ruolo sociale oltreché sindacale e si guadagna rispetto e considerazione anche da chi non appartiene alla nostra categoria professionale.
La nostra indipendenza di giudizio e  l’intenso lavoro al servizio degli iscritti, merito soprattutto dei nostri segretari aziendali e dalla formidabile sede amministrativa di Torino, è stata premiata: gli iscritti all’Anaao Assomed Piemonte sono in costante aumento, rappresentando ormai il 25% di tutti i medici e sanitari del Sistema Sanitario Regionale. Tutto ciò malgrado un  inesorabile declino del numero di medici dipendenti che avrebbe sicuramente giustificato un proporzionale decremento.
Se, come sembra, avete trovato nella nostra associazione un punto di riferimento ed un senso di appartenenza ritengo di aver svolto adeguatamente il mio compito. A chi mi succederà auguro le stesse soddisfazioni e a tutti voi un grande abbraccio per avermi dato modo di rappresentarvi.

Continua a leggere

Lavoro, Diritti, Salute. Quattro anni di Anaao Assomed Piemonte

logo-socialDalle lotte contro la chiusura dell’ospedale Valdese di Torino, a quelle contro lo smantellamento dei laboratori di emodinamica. Dalle manifestazioni di piazza ai ricorsi nei tribunali. Nel mezzo la giunta Cota: la peggiore degli ultimi anni in tema di sanità.
All’interno del nuovo numero della nostra rivista troverete i nostri articoli, i comunicati, gli editoriali, i volantini e le fotografie.
80 pagine per gli ultimi quattro anni di attività sindacale dell’associazione.