Cassazione. Condannata (dopo venti anni) un’azienda sanitaria per il decesso da ‘superlavoro’ di un tecnico di radiologia

La Cassazione, sezione Lavoro, condanna l’Asp di Enna per decesso per superlavoro di un tecnico di radiologia. La sentenza a venti anni dalla morte e dopo dieci anni di iter nelle aule dei tribunali. La Corte ha ribadito come in nessun caso sia possibile per il datore di lavoro (pubblico in questo caso) giustificare la condizione di ‘superlavoro’ del tecnico, con esigenze di assicurare il servizio all’utenza.
Leggi l’articolo completo su Quotidianosanità.it
Leggi anche Cassazione, «Il radiologo morì per troppo lavoro, Asl colpevole». I sindacati: «Pietra miliare per i diritti dei lavoratori» (Il Sole 24 Ore Sanità.it)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *